1952–71 Il mandato di Madre Angela Francoli

Madre Angela Francoli (29.1.1912 – 7.12.1971) vive un lungo ed impegnativo mandato. I tempi cambiano rapidamente e nei servizi apostolici si fanno avanti sempre nuove esigenze: adattamento, rinnovamento, qualificazione del personale, adeguamento delle strutture. Madre Angela manifesta attenzione cordiale ai segni dei tempi ed apertura prudente alle novità, in ascolto della Chiesa e nella fedeltà al Carisma delle origini.
Il primo decennio del suo servizio è caratterizzato dall’attuare e consolidare la scelta della missione “ad gentes” (oltre Kikwit, Mosango e Tumikia in Congo) e dal rafforzare la presenza nel sud d’Italia (Isca, Catanzaro, Valderice, Piazza del Galdo) considerato come territorio dalle molteplici povertà. I bisogni sono quelli di sempre, aumentati nel numero e nelle esigenze. In particolare si guarda ad un modo nuovo di educare e formare le orfane, molte delle quali da sempre vissute in Casa Madre: il Villaggio Teresa Gabrieli in Bergamo è un esempio di quanto stesse a cuore a Madre Angela e alle Poverelle di questo tempo “far bene il bene”.
La Congregazione raggiunge in questo periodo la punta massima della sua espansione 1478 suore e 240 comunità. Grazie anche alle molte risorse si realizza un forte incremento dei servizi a vantaggio dei più poveri, in luoghi e situazioni di maggiore marginalità e, da parte delle suore, si va sempre più acquisendo una più specifica competenza professionale.
Il vivere con amore nella Chiesa, con la Chiesa e per la Chiesa, e l’accogliere le innovazioni del Concilio Vaticano II pongono le basi per una spiritualità fortemente cristocentrica ed incarnata, connotata dalla tensione a fare il bene con cuore largo, nella fedeltà generosa al momento presente e nell’apertura al nuovo che lo Spirito va suscitando nell’umanità, nella Chiesa, nella Congregazione.
L’impegno a comprendere i “segni dei tempi” in comunità e nel rapporto con gli altri, allena ad armonizzare visioni diverse del vivere e del servire e prepara il terreno a modalità più partecipative di gestione del servizio e della stessa vita comunitaria.
Quando nel 1971 Madre Angela passa il testimone a Madre Pieraldina le case sono 226 e le suore 1333.

Eventi particolari

  • In questo periodo si raggiunge la massima espansione della Congregazione: 1478 suore e 240 comunità
  • 1952 – prima comunità in Congo – Kikwit
  • 1962 – Apertura del Concilio Ecumenico Vaticano II
  • 1963 – Beatificazione del Fondatore